Parole e situazioni

Gloria:- Ivan si è laurearto a 24 anni..-
Kevin:-Ah…io a 26….
Valentina:-Ma tu sei ingegnere?
Kevin:-No 
Gloria (dopo una pausa di silenzio imbarazzante):-Ah ma hai farto il militare, ecco perché!?
Kevin:-No…
(doppio silenzio imbarazzante)

Oggi parliamo delle mitiche paroline che dici, figlio mio. Le tue paroline preferite sono (d apronunicare tutte con le vocali tutte super-chiuse, le u molto “lente”):

  • “uova” (ne vuoi una a pasto…)
  • “body” (ogni volta che vai a letto, lo vuoi anche in piena estate che sei un folle secondo noi)
  • “nonno” (invocato ad ogni marachella scoperta, come arbitro “imparziale”….da’ sempre la colpa tutta ai genitori…)
  • “nanna”

Ecco alcuni utilizzi tipici di tali parole

Quando la domenica sera torniamo dalla cena a casa di Nonna, che ti ha appena fatto due etti di salmone affumicato, un litro di latte per addormentarti e sono le 21, tu chiedi: “Uova!” invece che “Nanna”….

Dopo una sabato di gioco a “rincorriamoci per un ora con mio cugino david” tu dici “Papà…su…(ti prendo)…nanna!”

Quando ti cambiamo la sera di agosto che fa un caldo bestia, prima di andare a nanna tu non vuoi metterti la maglietta ma dici “body”… ma come fai a non sudare solo all’idea?

Quando torno a casa mi dici “nonno!”…quando torno a casa e sei tra le braccia di nonno tu me lo indichi e dici “nonno!”…

 

 

 

Terminated: Il declino di Schwarzenegger

Col voto di martedì i cittadini della West Coast hanno respinto ad ampia maggioranza gli interventi fiscali (un’addizionale dell’1% sull’imposta di consumo, un aumento della tassa di circolazione e un incremento dello 0,25% dell’Irpef californiana) coi quali il governatore e il Parlamento dello Stato avevano deciso di colmare un deficit di bilancio di ben 21 miliardi di dollari. L’unica «proposition» approvata è quella che vieta ogni aumento retributivo per parlamentari e pubblici amministratori quando il bilancio è in passivo (ieri sono stati ridotti del 18% gli stipendi dei funzionari dello Stato con cariche elettive).

Continue reading “Terminated: Il declino di Schwarzenegger”

Javascript and Smalltalk

There is a future for SmallTalk? I was a very strong fan of the SmallTalk language, but in the last five years I have seen more and more contraction of its usage in the IT field.

The OLPC project, which uses also Squeak Smalltalk and its done by the core team fo Squeak, is not going very well.

Anyway, Dan Ingalls, one of the father of Smalltalk, is working on a new project called Lively. It is a rewrite of Morphic in Javascript, especially target  for building a Squeak-like interface.

 The interesting part of this work is a paper outlining the limitation of javascript as programming language. I have tried in the past years to look for ajax and or web 2.0 javascript libraries, but I feel very difficult to develop with them.

From the Paper we underline these parts:

Loading multiple JavaScript applications into the same virtual machine is problematic.[…] For instance, if two programs
happen to use the same names for global variables or functions, the overlapping variables or functions of
the first program will be replaced with the corresponding features of the second program, resulting in
unexpected behavior in the subsequent execution of the first program. Since JavaScript will not typically
give any warning messages or errors in such situations, the resulting behavior can sometimes be a total
surprise; in many cases the errors resulting from such situations may not be discovered until much later.

 

Evolutionary development approach is a necessity. Due to the highly permissive, error-tolerant nature of
JavaScript, JavaScript programming requires an incremental, evolutionary software development
approach. Since errors are reported much later than usual, by the time an error is reported it is often
surprisingly difficult to pinpoint the original location of the error. Error detection is made harder by the
dynamic nature of JavaScript, for instance, by the possibility to change some of the system features on
the fly.

 

A lot of room is left in optimizing JavaScript performance. Current JavaScript virtual machines are
unnecessarily slow. Even though JavaScript is a significantly more dynamic language than, for instance,
the Java programming language, there is no fundamental reason for JavaScript VMs to run two orders of
magnitude slower than Java virtual machines.

 

Memory management capabilities of the current JavaScript VMs are poorly suited to large, long-running
applications. Current JavaScript virtual machines have simple, 1970's style garbage collectors

 The reason of these issue are simple:JavaScript was intially a language for web developers, small and easy to use, and very compact.
Absence of errors or warning is a nightmare, if you care of your digitating time.
And Javascript is slow because no one will write  long script with it.

A very compact and clean discussion can be found in http://javascript.crockford.com/javascript.html 

Fixing these problems is hard. Until the current  implementation will not provide a better way of error detection, writing javascript code will be a very long and time-consuming task.

And using a so old garbage collector, give a chance to a c/64 BasicV2 to beat your code:  you are awared, guys :)

Anyway, there is a good set of javascript libraries out of there (prototype and jquery, for instance but not only), so you should be quite happy 

 

 

 

pezzent programming

Si fa un gran parlare di Extreme Programming? Ma se non volete fallire, su quali basi la vostra azienda deve veramente reggersi? In questo articolo vediamo un excursus sul Pezzent Programming, usato nella produzione industriale di Dolci

Estratti dal manuale del Pezzent Cooking Management:

  1. Formazione. La formazione è importante per la nostra azienda. Però anche quest'anno il nostro obiettivo è produrre utili, e quindi perché dovrei togliere una persona per 5 piccolissimi giorni dalla commessa, e farla divertire ad un corso? Se proprio vuole, si comperi un libro, di tasca sua, e lo legga la sera a casa!
  2. Clienti. Il cliente paga. Per cui il primo giorno l'account sente che cosa vuole, e poi lo si disturba solo e soltanto per avere la firma per il pagamento delle tranche accordate. Non fategli domande sulle specifiche, cheè sintomo di insicurezza e magari poi si scoccia e non firma con regolarità. Se c'è un problema glielo comunichiamo quando ha versato il 90%. Per il resto, cavoli del progett manager
  3. Esterni.  In sintesi gli esterni sono come dei dipendenti, ma sono finti. Possono essere fatti sparire dentro un cappello da mago et similia. E' fondamentale che gli esterni vengano pagati poco. E siccome sono pagati poco, convengono più di qualsiasi altra cosa, inclusa la formazione dei dipendenti veri (vedi punto 1).
  4. Pie Programming (da non confondere con PAIR programming). Sviluppate il software come una torta sorpresa: bella interfaccia con un ripieno di roba che da errore ma che RISULTA emettere quasi sempre il risultato atteso. Mi raccomando i bottoni in FLASH!
  5. TurnOver. Dovevamo assumere tante persone quest'anno, ma più ne assumevamo più se ne andavano. Alla fine abbiamo scoperto che la causa erano le voci sulla qualità del lavoro prodotto in sede. Abbiamo chiuso la sede e ora va tutto fantasticamente. Se uno chiede di cambiare cliente, lo licenziamo!
  6. Se una persona chiede la maternità, avrà le voglie e ci mangierà metà dl prodotto finito! E noi la licenziamo!

Disclaimer: ogni riferimento alla vostra azienda dolciaria è puramente casuale.
Se la Farilla mi fa ancora causa, smetto di comperare i biscotti °Le Macine°!