!Support Ukraine!

Posted in English Content, Italian Content | Leave a comment

Guerra per interposta nazione

Manzoni una volta riferendosi a Napoleone scrisse “Ai posteri l’ardua sentenza”.

Allo stesso modo è impossibile ora fare riflessioni distaccate sulla guerra in Ucraina, con le atrocità, le violenze e i morti che toccano così da vicino i paesi Europei, e che ad alcuni di essi (Polonia, Repubblica Ceca) ricordano le atrocità della II guerra mondiale.

Detto questo l’intenzione di Biden di finanziare con oltre 30 miliardi di dollari un nuovo pacchetto di supporto all’Ucraina (in termini soprattutto di armamenti) ci deve aiutare a farci anche delle domande.

Continuare a chiedere all’Ucraina di combattere la Russia senza scendere in campo rischia di diventare sempre più un dilemma morale.

Smettere di comperare gas dalla Russia per l’Europa è anti-economico ed anti-ecologico. Aumentare le nostre dipendenze dall’economia americana, e nel contempo rischiare di regalare tutte le risorse naturali della Russia alla Cina, è uno scenario ampiamente sfavorevole, e che nel lungo periodo non porterà più ricchezza ai cittadini Europei.

Ma abbiamo altra scelta? Chi sostiene a cuor leggero di “lasciar stare la Russia”, si rende conto del costo in termini di vite umane che queste affermazione da talk show di seconda categoria comporterebbero?

Abbiamo veramente alternativa?

Siamo certi che Putin non sia la persona più ragionevole del suo entourage, e che quindi questo conflitto sia inevitabilmente da portare avanti?

Posted in Italian Content, Lettere a mia figlia, Lettere a mio figlio, Uncategorized | Tagged | Leave a comment

La corruzione Fascista

Visto i recenti episodi di facinorosi di Forza Nuova, che spaccano vetrine e devastano sedi sindacali con la scusa di protestare sul green pass, e di inchieste imbarazzanti per i partiti di estrema destra italiana è bene ricordare alcune cose a chi dice “il fascismo ha fatto anche cose buone” perché invece il fascismo è stata soprattutto una dittatura e una iattura per il Paese, da consegnare alla storia e di cui smettere di parlare come se fosse ancora qualcosa di “attuale”, “nostalgico” e “riproponibile”. Lo farò riportando quanto segue da Wikipedia (enfasi nostra) e con una vignetta di Sio tratta da Twitter:

Per quasi tutto il XX secolo gli storici ritennero che la principale causa del delitto Matteotti fosse stato il suo discorso di denuncia pronunciato alla Camera il 30 maggio 1924. L’ipotesi di un delitto legato alla scoperta di un affare illecito non fu esclusa da Renzo De Felice (le insistenti voci di un delitto affaristico “non possono essere lasciate cadere a priori”), ma rimase sempre sullo sfondo. Successive ricostruzioni hanno tuttavia dato maggiore peso a tale ipotesi.

Lo storico statunitense Peter Tompkins nel volume Dalle carte segrete del Duce (2001), aderisce alla tesi secondo cui Giacomo Matteotti sarebbe stato assassinato, oltre che per l’incisiva denuncia delle irregolarità e delle violenze compiute dai fascisti nelle elezioni politiche del 1924, anche perché in possesso di documenti attestanti le tangenti versate dalla compagnia petrolifera Sinclair Oil Company ai ministri Gabriello Carnazza e Orso Maria Corbino, entrambi massoni di Piazza del Gesù.

Da wikipedia

Continue reading

Posted in Italian Content, Lettere a mia figlia, Lettere a mio figlio | Comments Off on La corruzione Fascista

Il Governismo

Non siamo mai stati fan dei pentastellati (e le ultime vicende, con situazioni imbarazzanti su chi ha i dati degli iscritti  e chi non riesce ad ottenerli, ci danno pure ragione) ma riesce difficile vedere differenze apprezzabili tra il governo Conte a trazione passiva-aggressiva PD-Renzi, e il governissimo di Draghi.

I giornali e i giornalisti pongono spesso l’accento o la critica sulle mancanze dei governatori o dei responsabili, ma la realtà è che se hai una infrastruttura debole, o arretrata, non è cambiando in continuazione la testa del governo che puoi fare miracoli.

Continue reading

Posted in Italian Content, Lettere a mio figlio | Tagged , , | Comments Off on Il Governismo

Crisi di Gennaio: la sindrome di Matteo II

-Che cos’è questa regione vicino alla Puglia?! E’ piccolissima!

-E’ il Molise figlio mio, è complicato da spiegare…

Questo post è stato con l’evolversi della situazione.

In queste ore si sta consumando la crisi del governo Conte2. Un Renzi assurdo, che dopo aver ottenuto le modifiche su fondi di ripresa (Recovery Fund) e gestione dei servizi segreti, che aveva chiesto un mese fa, ha continuato ad alzare l’asticella del potere per poter “ribaltare” il tavolo.

Ci ricordiamo di un altro ribaltone alla Matteo, che non andrò proprio bene….

Ieri Conte ha incassato la maggioranza alla Camera con 321 voti (6 voti di scarto).

Ora Conte sta provando a trovare dei numeri per avere “formalmente” la maggioranza in Senato, ma sta raggranellando voti in Senato sfruttando un approccio “ad hoc” che consiste nel cercare senatori disposti a votare per il governo, pescando per esempio nel gruppo misto. In senato Conte ha bisogno di arrivare a 161 seggi.

E’ evidente che questa strategia porta enormi instabilità perché è basata sul recepimento di richieste piò o meno vaghe che nella migliori delle ipotesi rende incerti i passi, nella peggiori si abbassa a “mercateggiamenti” degni della peggiore prima Repubblica. E il clamore sull’ on Clemente Mastella che ancora è saldamente senatore, responsabile della caduta di uno dei governi di Prodi, la dice lunga su dove siamo arrivati.

Mario Monti, ex premier, sosterrà il governo, e ha pubblicato un articolo con la sua posizione e le sue “proposte”.

Monti però ha rimproverato al governo il debito in accumulo sostenendo che l’Italia sta diventando «una repubblica democratica fondata sul debito pubblico». Si noti che questa è un’osservazione diametralmente opposta a quella che ha portato Renzi ad uscire dal governo (Renzi incoraggia il governo ad indebitarsi quanto prima!).

Personalmente non siamo contrari al debito, ma tenete presente che prima della crisi dovuta al covid si discuteva su appena 5 miliardi di euro di debito, ora si discute su valori molto più grandi.

 

Aggiornamento

Alla fine Conte ha ottenuto 156 voti, con l’astensione di Matteo Renzi che con i sui 15 senatori può fare la differenza. In maniera molto strisciante il gruppo di Renzi si è “astenuto”, anziché votare contro (machiavellico, lo so). E’ evidente che Renzi sta cercando un modo convoluto di far pesare il suo sostegno, segnalando in questo modo il suo “potere” di far mancare la maggioranza.

Sarebbe oggettivamente necessario rimettere il mandato, anche se “formalmente” il governo Conte ha retto. Nel frattempo abbiamo perso quasi 10 giorni di lavoro per questo “Renzi-scherzo”:

Diversi commentatori hanno fatto notare che nonostante la soglia della maggioranza assoluta al Senato sembri distante appena cinque seggi, il sostegno del governo è assai più fragile: ieri hanno votato a favore della fiducia anche tre senatori a vita spesso assenti dal dibattito parlamentare (Mario Monti, Liliana Segre ed Elena Cattaneo) oltre a una serie di fuoriusciti dal Movimento 5 Stelle difficilmente controllabili. Con l’uscita di Italia Viva dal governo, la maggioranza ha anche perso il controllo di importanti commissioni parlamentari al Senato, fra cui quelle che si occupano del Bilancio e degli Affari costituzionali, da cui dovrebbero passare rispettivamente il piano per ottenere i fondi del cosiddetto Recovery Fund e la nuova legge elettorale annunciata da Conte.

da Questo ottimo articolo del Post.it

 

 

Posted in Italian Content, Lettere a mio figlio | Tagged , , , , , | Comments Off on Crisi di Gennaio: la sindrome di Matteo II

Joe Biden ha vinto e Trump ha fatto una figuraccia

Joe Biden del Partito Democratico ha vinto le elezioni presidenziali degli Stati Uniti: oggi in Pennsylvania  si è sancito il suo sorpasso da Trump, ormai troppo distante da una rimonta.

Negli ultimi giorni Trump ha continuato a parlare con le sue “realtà alternative” (normalmente dette bugie).

Scrivo queste note per ricordare a mio figlio che se mai dovesse perdere delle elezioni di rilevanza MONDIALE per un soffio, dovrebbe perlomeno evitare di coprirsi di ridicolo, facendo una conferenza stampa in cui afferma cose così false da farsi interrompere dai network televisivi.

Spesso ammettere una sconfitta è più onorevole che gridare al complotto. E fidati Trump, sarà difficile rimpiangerti :)

 

 

Posted in Italian Content, Lettere a mio figlio | Tagged | Comments Off on Joe Biden ha vinto e Trump ha fatto una figuraccia

Legge elettorale e rappresentanza

Ho votato SI al referendum costituzionale, perché ho ritenuto che fosse una buona idea ridurre un po’ il numero di parlamentari, e perché la riforma non toccava altri aspetti della Costituzione, come invece accadde per altri due tentativi (Berlusconi, Renzi) avvenuti negli ultimi vent’anni. La vittoria del SI ha come conseguenza la necessità di rivedere la legge elettorale.

Ritengo che tale (ennesimo) rifacimento richieda tutte le cautele del caso. Storicamente i Cinque-stelle hanno una visione del parlamento come di  “burocrazia”, non del luogo dove si esercita il confronto, e quindi dal loro punto di vita il parlamentare è un mero esecutore della volontà popolare, espressa tipicamente tramite un software di voto… possibilmente scritto dalla Casalaggio & associati.
Uno degli ultimi articoli di Casaleggio, con annesso disprezzo del “partitismo” espone il concetto più chiaramente delle mie parole.

E’ uscito da poco una puntata del podcast di Francesco Costa che spiega in modo dettagliato come funzioni la democrazia americana, e che vi suggerisco di ascoltare. E’ diverso da come funziona in Italia ed in generale in Europa, e ha i suoi pregi:

In soldoni in America chiunque può candidarsi, i candidati non sono scelti dai partiti e quello che conta sono i voti che prendi.

Il risultato è stato che la democrazia Americana è molto più sensibile ai cambiamenti della società, e i suoi parlamentari la rappresentano meglio. Inoltre i mandati durano solo due anni (contro i cinque nostri).

Il sistema è maggioritario, per cui si sfrondano i partiti minori e ci si polarizza.

I partiti ovviamente hanno il loro peso, posso finanziare i candidati e/o fornirgli lo staff o una buona parola del Presidente (se è della loro parte), ma i segretari dei partiti non hanno alcun potere effettivo (sono appunto dei semplici segretari).

Se pensate al potere che avevano persone come Craxi, o altri segretari Europei all’apice della loro carriera politica, capite l’enorme differenza con l’Europa, anche a distanza di anni.

Questo ci porta ad una riflessione profonda, del fatto che anche se con tutte le differenze del caso, un contatto ancora più diretto tra parlamentari è rappresentati è si da auspicare come chiedono i cinque-stelle, ma non pensando che i parlamentari siano dei “burocrati” il cui mero compito è di essere una cinghia di trasmissione passiva del frequente voto popolare.

I parlamentari in America sono gli attuatori della rappresentanza, e hanno una investitura più forte di quella che si dà al partito.

 

 

 

 

Posted in Italian Content, Lettere a mio figlio | Tagged , | Comments Off on Legge elettorale e rappresentanza

Brick Master (WIP)

Work in progress

In questo periodo di forzata clausura casalinga, sono arrivato a fare di tutto. Addirittura a pensare di mettere in ordine i miei LEGO.

Con la nascita dei miei figli il numero di LEGO in casa è esploso in modo imbarazzante. Sono passato da qualche scatola ad interi scatoloni strapieni di LEGO. Se come me la passione non è solo per i bambini, seguitemi in questo articolo dove vi spiego come affrontare la cosa.

Continue reading

Posted in CoronaVirus, Italian Content, Lettere a mio figlio | Tagged | Comments Off on Brick Master (WIP)