Tastiera per principianti: Yamaha PSR E373

 

 

Prima della pandemia avevo messo gli occhi su una tastiera Yamaha, la PSR E363. Il suo prezzo pre-covid era di 185€ dopodiché era schizzata verso l’alto, per poi uscire di produzione. Così ho deciso di acquistare il modello sostitutivo, la PSR E373 che al momento costa intorno ai 230€  e ho pensato di fare questa recensione per chi, come me, vorrebbe imparare a suonare su una tastiera il più simile possibile ad un pianoforte reale. Vi risparmio anche tutte le video recensioni che ho guardato su YouTube per scegliere questa tastiera, portandovi solo i pro e contro.
Disclaimer: non sono un musicista, ma sono bravo ad informarmi.
BONUS UPDATE: E’ stato reso liberamente scaricabile un corso di musica, in inglese, pieno di esercizi ed adatto anche ai neofiti

La PSR-E373 (e il modello precedente E363) è una tastiera con i tasti pesati, ciò vuol dire che ha dei sensori che possono stabilire quanto forte premete su un tasto. Secondo molti questa caratteristica è fondamentale per imparare a suonare uno strumento reale come per es un pianoforte. Ho provato la differenza usando per un po’ una vecchia tastiera non pesata, e in effetti molti degli effetti che date dipende anche da come suonate i tasti, e se la tastiera produce sempre lo stesso suono, perdete molto della capacità “interpretativa” che un compositore può dare al brano.

Il Pianoforte. La Yamaha è diventata famosa per due cose: i pianoforti meccanici e le moto (anche loro meccaniche). Il simbolo di Yamaha rappresenta tre diapason incrociati. Avevo quindi parecchie aspettative sul suono del pianoforte incluso, che per me è molto importante. Emulare un pianoforte con un sintetizzatore è forse una delle cose più difficili, e la PSR E373 ci riesce egregiamente.

DSP e Suoni. Rispetto al modello precedente, la PSR E373 ha un sintetizzatore interno (DSP) che consente di modificare gli effetti dei suoni base inclusi (che sono oltre 600). Per cui da questo punto di vista la Yamaha dà un valore aggiunto significativo, che giustifica l’acquisto.  Alcuni midi che ho caricato sono riprodotti in modo fantastico, superiore ai campionamenti standard che trovate nel sintetizzatore software di Windows 10.
Secondo Jeremy See questo modello ha le medesime campionature del modello superiore, l’EW310.

La portabilità. La PSR E373 è una tastiera portatile da cinque ottave, e in effetti può essere alimentata con una manciata di pile stilo. E’ un po’ voluminosa ma pesa relativamente poco (meno di 5Kg), per cui è certamente molto comoda da portare in giro.

Espandibilità. Questa tastiera ha una uscita USB MIDI ed è possibile caricare dei midi, sia usarla per pilotare dei software su pc.  La porta USB funziona sia da dispositivo MIDI che da interfaccia per fare i backup e caricare un certo numero di brani. Oltre a questo è possibile caricare degli “stili” aggiuntivi, che sono un insieme di strumenti e di accordi (in pratica sono delle basi musicali MIDI). Purtroppo non è possibile creare direttamente gli stili sullo strumento.

Apprendimento. Molte delle tastiere Yamaha di questo livello hanno un sistema di apprendimento integrato. Purtroppo però

  • il manuale con gli spartiti va stampato a parte, e questo è un peccato perché sono tante pagine che magari si potevano fornire.
  • le musiche sono grandi classici con scarso appeal per i  più giovani (es millenials)

C’è però un piccolo suggerimento per tirarsi d’impaccio: registrando il prodotto sul sito di Yamaha viene dato un buono per provare per tre mesi Flowkey, una app che vi insegna a suonare canzoni molto più “recenti” con un sistema di apprendimento più rapido ed agile; tra i 1500 brani disponibili ci sono hit più famose e accattivanti.

Manuali I manuali non sono disponibili in Italiano, e questo può essere un ostacolo per alcuni. Il manuale è completo anche se scritto a corpo 1.

Costo 

Conclusioni La PSR-E373 ha un suono fantastico considerando che si tratta di una tastiera “consumer”. L’ampiezza dei campioni digitali è buona per un uso didattico, ma non sfigura neppure per piccoli stage e dispone di un jack di uscita da  6,3 mm per connetterlo a piccoli amplificatori. Il costo è a nostro avviso ancora un po’ alto, ma accettabile;  se avete esigenze più modeste (tastiera scolastica) potete provare ad orientarvi verso la PSR-F51 che è proprio entry-level ma costa meno di 90€

 

This entry was posted in CoronaVirus, Italian Content, Lettere a mia figlia and tagged , . Bookmark the permalink.