Open calculator (aggiornato)

Voglio raccontarvi una storia, per spiegarvi quanto è difficile conciliare la vendita di un prodotto commerciale con lo sviluppo di un software “open”. Al giorno d’oggi le calcolatrici scientifiche sono un mercato con parecchia concorrenza, e lo prenderò come esempio.

Parleremo di NumWorks: una società che ha sviluppato negli ultimi anni una calcolatrice con un sistema operativo abbastanza aperto chiamato epsilon; è notizia di questi giorni che NumWorks chiuderà progressivamente il suo sistema operativo vanificando in modo sostanziale l’aspetto che la rendeva interessante rispetto ai colossi che sono Texas Instruments, HP, Casio, e Sharp.

Il mercato delle calcolatrici tascabili è stato “sostenuto” da Texas Instruments che riesce a vendere a più di cento dollari delle calcolatrici (come la TI84 Plus) su cui si stima faccia un margine di circa il 50%. Texas Instruments è riuscita a creare un ecosistema portando dalla sua parte gli insegnanti e diventando lo standard “de facto” in ambito scolastico. Stiamo parlando di una calcolatrice grafica B/W non touch, molto “old style”.

Detto questo, su Amazon ci sono prodotti (come la Sharp EL W50GT a fianco) che per meno di 30 € forniscono un calcolatore in grado di effettuare integrali definiti, risolvere serie di equazioni, e tutta una serie di operazioni che alla fine degli anni 90 richiedevano un calcolatore che costava circa 10 volte tanto.

Dopodiché c’è una fascia di calcolatori non-CAS (poi capiremo che cosa vuol dire) che stanno intorno ai 90-100 € e consentono di tracciare i grafici e sono programmabili. Si riconoscono perché hanno un display piuttosto grande. Uno di quelli più economici è la seguente Casio FX:

I calcolatori di fascia alta come l’Hp Prime e TI-nspire sono calcolatori CAS il cui costo si aggira oltre i 150 €

CAS sta per “Computer Algebra System” ed è in sostanza un sistema di riscrittura che consente di risolvere analiticamente le espressioni matematiche. Per esempio può calcolare i limiti o trovare la primitiva degli integrali indefiniti. Per ovvie ragioni sono proibiti in quasi tutti gli esami.

Per i calcolatori di fascia media è fondamentale essere “ammissibili” alle sessioni d’esame scolastici. Per tali ragioni molti dei modelli di fascia media hanno una modalità chiamata modalità “esame” in cui vengono disattivate alcune funzionalità avanzate; questa modalità consente il loro utilizzo durante gli esami e serve per migliorare le vendite del calcolatore.

Numworks è una società francese creata nel 2017 ed è l’unica società che offre un calcolatore programmabile dal costo contenuto ma che può essere esteso facilmente. La calcolatrice Numworks ha un display di 320×240 pixel a colori, 256KB di RAM e 8MB di FlashROM, e costa appena 80 euro, e può essre comodamente ordinata sia sul sito del produttore che su Amazon Prime.

Il sistema operativo di NumWorks si chiama Epsilon, e l’obiettivo iniziale era che potesse essere modificato dagli utenti per adattarlo alle proprie esigenze. Fino a poco tempo fa la licenza era di tipo Attribution-NonCommercial-ShareAlike (CC-BY-NC-SA), per cui era possibile modificarlo purché non venisse usato a scopi commerciali. Sono quindi nati un paio di fork migliorativi, tra cui uno che si chiama Omega che rafforza il CAS e aggiunge qualche nuova modesta funzionalità (come la tavola periodica degli elementi chimici). Purtroppo tale “apertura” è stata usata per barare agli esami, ma d’altronde sono pochi gli studenti che non provano a nascondere qualche appunto addosso o a non darsi un vantaggio sostanziale (!). La conseguenza è stata che a partire dalla versione 16 del firmware, il sistema installerà una versione “corazzata” con due copie del sistema: una “sicura” che verrà fatta partire dopo un reset, cancellando completamente la memoria ed eventuali “app”, mentre sembra che sarà possibile ancora installarne una “personalizzata” (anche se un banale rest porta alla cancellazione totale, cosa non bellissima). Per ora su Internet si sconsiglia l’aggiornamento alla versione 16.

Questo vanifica di molto l’approccio di Numworks: la calcolatrice sembra un buon prodotto, anche se ha un numero di funzioni ridotte e meno RAM delle concorrenti, che però costano anche il doppio.

Speriamo che NumWorks riesca a migliorare progressivamente il suo software ufficiale e a stare al passo con la concorrenza

Approfondimenti:

Review della calcolatrice Numworks

Come installare Omega

This entry was posted in Freedom, Italian Content, Software and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.