Black lives matter

E’ istruttivo come lo slogan Black lives matter sia nelle home page di Amazon (AWS), Google (K8s, Angular), Linode, mentre sia completamente assente sui siti di Microsoft, Facebook, Apple, DropBox, GitLab, GitHub (sempre MS): non se ne vede la minima traccia.

AirBnb è un po’ a metà perché ha lo slogan ma in fondo alla pagina.

Non è che questo ci dà uno spaccato chiaro di chi è progressista e di chi magari non è un fan di Trump, ma non si sbatte abbastanza per dirlo (o semplicementenon gli conviene)?

Nota a margine: che Facebook e Twitter non ne parlino ci può stare perché i grandi social tendono ad essere “imparziali” per non essere tacciati di essere tgendenziosi (benché essere contro il razzismo non mi pare una cattiva cosa….).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.