Referendum costituzionale: la vittoria del NO

Il Referendum del 25 e del 26 giugno, sulla ratifica delle modifiche alla costituzione volute dalla destra e’ un segnale forte, ma la sua lettura politica e’ difficile.

E’ probabile che la vittoria sia stata possibile grazie all’appoggio dell’elettorato conservatore cattolico, che ha agito in modo trasversale da destra verso sinistra.

Poiche’ il quesito di voto era molto lineare (un si od un no), e’ difficile scorporare con precisione le varie componenti politiche. Quello che si puo’ dire di sicuro e’ che le riforme richieste dalla Lega non sono in linea con la volonta’ del paese. Forse la maggioranza degli italiani non vuole piu’ vedere un Castelli od un Calderoli al governo.

Personalmente sono sollevato, e penso che un dialogo con la destra progressista sia l’unica strada perseguibile dal governo Prodi, anche sul medio periodo.
E’ invece necessario isolare e liquidare le componenti secessioniste Italiane, che rimangono forti ma solo per ragioni storiche (l’unita’ d’Italia e’ stato un sentimento sempre molto, troppo debole).

La cosa migliore sarebbe creare una costituente (indicendo elezioni apposite) ed evitare commissioni o bicamerali, che hanno gia’ rovinosamente fallito.
In tale contesto gli zappaterra leghisti avrebbero difficolta’ ad emergere in modo chiaro, e si neutralizzerebbero da soli.
Invece in altre configurazioni il peso della Lega e’ superiore: un appoggio esterno al governo Prodi e’ una caramella troppo succulenta per la parte centrista (Rutelliana?) della maggioranza.
La destra non e’ in grado di procedere in modo compatto per molto tempo, a meno che Berlusconi non rinserri nuovamente le fila… cosa che io eviterei visti i malumori interni.
Staremo a vedere!

Wrost Shell provider of The net

Yes this is a negative-advertise (sometimes called flame). I get disappointed by "The Super Dimension Fortres" after about 3 years of use. The service was spartan but quite good, and you got lifetime access for only 36$. I also paid for some additional services from time to time. Then in the summer I launched a "vhost" command, to understand how vhost works. I found no manual and no help, so I closed my shell and went to bed.
After some month, the administrator asked me to pay for a VHOST service I never used. Abeit the time passed, I complain about it sending an email. I recieved NO response.
After a month my account was deleted.
I cannot speak with the administrator. I received only silly auto-generated email asking for money.
And by the way no a decent bill evidence.
This total lack of communication and brute-force resolution of a trivial problem is bad. So I must discourage my friends and readers, to AVOID the Super Dimension Fortres service at all.

 

I say this sadly, because it was a small and nice community, but bad sys-administrator cannot do things like these. This resembles me the first day at university, filled with young bold guys, a little stupid. When they come to administer a site, they become very dangerous to user community. The Bastard operator from Hell is smart, whereas stupid administrator smells only a bit more then normal people.

Sorry, SDF you have lost me.

Audiocast: Ajax

Ho collaborato con Valerio, l'autore del podcast Notizie Digiali. Nel numero che esce oggi parliamo delle tecnologie ajax: una panoramica su un trend emegente.
Grazie alla sinergia con SIForge, possiamo presentare altri articoli legati all'argomento, tra cui segnalo:

Ringrazio ancora Valerio per il tempo concesso sul suo podcast

Aggiornamento:

A quasi un anno di distanza, il rischio che ajax si trasformi solo una "buzzword" (cioe' in una parola usata per millantare funzionalita' prive di consistenza reale) esiste. Inoltre al momento sviluppare in ajax e' ancora delicato e farraginoso: esistono mille modi di fare la stessa cosa, e nessuno di questi porta a qualcosa di facile da mantenere. Tuttavia e' indubbio che Ajax migliorera' di molto l'ergonomia dei siti web, attraendo anche nuovi utenti per tali applicativi.