Terrible Two

La pediatra ci guarda e poi con un tono di voce comprensivo dice

-Sì  il periodo dei terrible two dura finoai sei anni

-Mi scusi non ho sentito può ripetere?

-Ehm…Sei anni – sguardo di compassione empatica da parte della pediatra, che di figli ne ha due.

Ok, niente panico: ci sono qua io, care e cari ex-single, ora genitori in carriera.

Scenario: prima di nascere stavate nelle terme di mammà sempre a 36 gradi, venivate nutriti tramite un cordone ombelicale. Non si vedeva niente okey, poco svago (solo cicucciarsi il dito come svago stanca presto).

Nasci, hai sempre fame per i primi 3 mesi di vita, fai la cacca molle, c’è la luce e due tizi che ti ripetono “papà” e “mammà” allo sfinimento.

E  naturale che quando arrivi ai due anni le tue prime parole siano: “Emmhò Basta”.

Ed iniziano i terribili due anni, chiamati anche TerribleTwo. Ora benché il problema sia grave e noto, sembra che tutti i pediatri lo omettano finché non sei tu ad accorgerti che… il frugolino primogenito si è trasformato in un rompiscatole professionista, vole fare quello che dice lui e spesso punta i piedi in modo immotivato

Ci sono varie tecniche di gestione, qui vi presentiamo alcune strategie:

Metodo Montessorri

Semplice ma con controindicazioni: Sculacciate a rullo. Può provocare dipendenza e/o chiamate al telefono azzurro da parte dei nonni delatori.

Metodo da ex-preside in pensione

Mettiamo in chiaro alcuni semplici concetti:

  1. Questa non è una democrazia
  2. Ci sono cose che puoi decidere/scegliere (colore calzini) e cose che non puoi decidere (es esssere o meno legato alla cintura di sicurezza del cane).

Funziona ma richiede pazienza infinita per non ricadere nel metodo Montessorri.

Metodo mamma coraggio

  1. Se ti può investire/affogare/avvelenare è proibito.
  2. Se lo fa la mamma va bene

Metodo di Giorgi

  1. Quando papà urla vuol dire che non lo puoi fare
  2. “Porta pazienza”
  3. Se un computer ti chiede se vuoi giocare a scaccchi o a guerra termo nucleare, tu rispondi SEMPRE Scacchi, grazie[1].

Anyway, buona fortuna

 

[1] Citazione da WarGames, e se non lo sapevate non meritate nemmeno questo blog.

 

Leave a Reply