Gomorra di Saviano

Ho appena finito di leggere il libro “Gomorra” di Roberto Saviano, preferendolo al film. Il testo è denso, e in alcuni punti leggermente frammentario. “Gomorra” però è un ottimo esempio di quel giornalismo sul campo, fatto da un giovane ragazzo (Saviano è nato nel 1979) che non si accontenta e arriva fino nel cuore della realtà in cui vive.
E’ un tipo di giornalismo che ricorda molto Enzo Biagi, e che fa additato come esempio ai giovani scrittori di oggi come di domani.

All’inizio non avevo molta voglia di leggere “Gomorra”, perché pensavo dicesse le solite cose che si sanno sulla mafia, tipiche di un vecchio film come “il Padrino” o “Scarface“. Invece il testo è molto diverso, ed estremamente istruttivo, per capire come è fondata l’economia criminale, e getta anche una luce oscura sui piedi su cui si poggia il sistema economico italiano.

Continue reading “Gomorra di Saviano”

Pane alle olive

Vi piace il pane? Il costo del grano sta diventando un’ossessione?

Ebbene comperando una macchina per il pane, potreste risparmiare qualche soldino, e divertirvi!
Se siete single, avrete il vantaggio che il pane prodotto in casa si mantiene per quasi una settimana, è più buono e vi consente di controllare meglio la vostra dieta alimentare.
Per quanto riguarda il risparmio, tenete presente che una michetta costa mediamente tra i 40 ed i 50 centesimi di euro, e con appena 70 centesimi vi portate a casa 1Kg di farina….osservando che la michetta pesa circa un etto, anche prendendo in considerazione il costo degli altri ingredienti e dell’energia usata dalla macchina, otterrete un risparmio significativo.

Continue reading “Pane alle olive”

Evitare il body rental per migliorare i profitti

Nel campo dell’IT italiana, si definisce “body-rental” la pratica di alcune società X di “affittare” delle persone ad altre società di consulenza Y che poi le impiegano presso dei grandi Clienti.

Tale affitto è attuato attraverso contratti a termine di durata tipica di 6 mesi, eventualmente rinnovabili.

Tale tecnica di affitto funziona perché a fronte di una cifra K pagata alla società X dalla società Y, quest’ultima riesce a rivendere la professionalità in esame ad una cifra maggiore, per esempio 2xK.

Poiché il costo del lavoro in Italia raddoppia a causa delle tasse, questa soluzione fornisce una marginalità più alta che non impiegando persone a tempo indeterminato della società Y.

La tecnica funziona se la società Y riesce a formare “in corsa” le persone, supportandole e orientandole opportunamente. La società Y dispone normalmente di account manager più capaci e di maggiore esperienza rispetto alla società X.

In alcuni casi le società X non sono altro che piccole realtà para-universitarie, spesso fondate dai professori, e sono serbatoio di competenze specifiche.

Questo modello sta iniziando a scricchiolare, a mio avviso, perlomeno in alcuni casi specifici.

Da un lato l’introduzione di lauree triennali ha favorito l’arrivo sul mercato del lavoro di profili con meno esperienza e know-how, e quindi ha aumentato il livello di incertezza sul tipo di preparazione che le varie società X riescono a fornire. Per esempio un laureato nel 1998 aveva in media 27 anni, poca esperienza di lavoro ma una solida preparazione teorica, atta a renderlo produttivo in un tempo ridotto.

Potrei citare ad esempio persone del tutto prive di know how Java, ma che riuscivano ad acquisire i concetti di base in appena una settimana, leggendo autonomamente le specifiche tecniche in inglese, senza neppure bisogno di fare un corso.

Adesso un laureato triennale si laurea un po’ prima (tipicamente a 25 anni), ma con una preparazione insufficiente per mantenersi costantemente aggiornato.

Dall’altro lato i clienti hanno iniziato a preferire i contratti a corpo, aumentando quindi il rischio per le società Y che devono essere molto più sicure dei risultati ottenuti.

Questo modello sta quindi erodendo in alcuni casi i margini di guadagno dei player in gioco, e rischia anche di fornire risultati sub-ottimali ai clienti finali, almeno in alcuni contesti.

Purtroppo la maggior parte di neolaureati (triennali e quinquennali) non viene assunta da grandi società Y, ma stazionano per qualche anno nelle società X, che strutturalmente non riescono a fornire loro una preparazione di livello accettabile. Quando poi acquisiscono esperienza e si è creata una selezione forte, vengono assunti dalle società Y a tempo indeterminato, poiché le società X non riescono ad offrire loro stipendi in linea con le loro aspettative.

Per cui le società X non crescono, mentre le società Y hanno poche persone fresche.

Questo modo di strutturarsi è funzionale da una parte al costo eccessivo di assunzione di una risorsa tecnica, dall’altro al fatto che la consulenza generalizzata, fino ai primi anni del 2000, era sempre redditizia.
Inoltre consente una strutturazione a “feudi” ricorsivi: ci sono diverse tipologie di società X1, X2, X3 e anche le società Y1, Y2, Y3 finiscono ogni tanto per body rental verso altre più grandi, in un mix molto dinamico.

La situazione non è ancora generalizzata, ma vi sono società medio-piccole che stanno tentando di spostarsi sullo sviluppo di “prodotti chiavi in mano” in modo da:

  1. Fornire ai clienti soluzioni a corpo, con canone di manutenzione e licenza annuale. Questo per soddisfare il mercato e mostrarsi recettivi.
  2. Sfruttare il prodotto come una “palestra”, un’entità dove tenere le persone e formarle finché non saranno pronte a fare consulenza vera e propria. Questo effetto collaterale è spesso sottovalutato, e invece andrebbe maggiormente valorizzato, poiché consente di “livellare” le competenze, garantire agli account manager determinate prestazioni, ecc
  3. Avere un mercato migliore, dove le società X non possono entrare, poiché lo sviluppo a corpo per loro è inimmaginabile. Certo esiste sempre la concorrenza di società Y molto grandi, ma avendo costi più alti il mercato è segmentato, e c’è quindi spazio per i player più piccoli

Purtroppo il modello “prodotto chiavi in mano” ha i suoi problemi ad essere applicato in Italia:

  1. Contrariamente al modello consulenziale standard, l’investimento deve essere pensato su un arco di almeno 5-6 anni. Difatti per almeno i primi quattro anni, il prodotto che si sta creando assorbirà più risorse di quelle che riesce a generare. Il modello consulenziale invece è in attivo fin da subito.
  2. In Italia grazie al “Fantafisco”, che causa cambi continui alle leggi tributarie, è impossibile fare un piano di investimento che si sviluppi su più di un anno, senza doverlo revisionare di continuo. Questo aumenta i costi spuri.
  3. E’ necessario avere persone devote solo allo sviluppo di idee di prodotto, sotto forma di demo per i Clienti potenziali. Questo aspetto è critico poiché esiste sempre il rischio di sviluppare un prodotto non conforme alle richieste del mercato, con conseguenze devastanti per il successo del progetto.
  4. La tecnologie principe in questo momento, Java, è molto poco adatta a lavorare con team ridotti all’osso: Java è estremamente verboso, e richiede molto lavoro di configurazione. Ancora peggio, fare una demo in Java equivale quasi sempre a scrivere il prodotto finito: difatti è difficile avere segmenti di codice “semi funzionante” a scopo dimostrativo. Linguaggi come php e python si stanno dimostrando più efficaci in questo ambito, ma sono poco diffusi in Italia.
  5. Le competenze necessarie per sviluppare un prodotto sono assai diverse rispetto a quelle che servono per formare un bravo consulente. La stabilità delle librerie, l’introduzione incrementale delle feature, un piano di progetto solido e stabile, sono caratteristiche difficili da trovare e assemblare in un singolo, costoso, progetto.

Kit Lezione 10: Chi mi ha fatto le scarpe?

Ciao mio astuto lettore, lecchino a tempo indeterminato!
Sei quindi giunto su NSC (NonSoloCodice, amico poco avvezzo agli acronimi), poiché ti sei trovato improvvisamente senza commessa, senza cliente e senza mutande?!

E non sai spiegarti come sia potuto succedere solo a te, che sai quanto fa 2 elevato alla 12 e sai tenere a memoria gli indirizzi IPv6 di almeno una dozzina di siti?

Ok, non sai una mazza del tuo lavoro ma con le potenze di due non scherzi…ebbene è probabile che uno più astuto di te ti abbia fatto le scarpe.
E non fa il calzolaio di mestiere, caro il mio picciriddu  spennacchiato.

Sei un derelitto sciocco, e meriteresti di essere punito per la tua leggerezza. Non ti sto nemmeno più vezzeggiando mio scornato lettore, te ne accorgi?.. ma d’altronde non posso lasciarti lì, giusto?

Sbagliato! Ora non conti niente, però magari… insomma la ruota gira, l’economia anche e quindi se ti aiuto poi una mano lava l’altra… avrai qualcosa da barattare, no? A cui consigliare di leggere Gioorgi.com? Un cugino pugliese che mi può regalare delle melanzane?
Uno zio simpatico che mi fa ridere?
Va bene mi fido. Ricordati però che i debiti vanno pagati. Trova qualcosa che abbia senso barattare con la

Lezione 10: “Chi mi ha fatto le scarpe?”.

Ebbene mio fantastico virgulto (con la cugina bona da presentarmi, spero)  come è potuto succederti di cadere così in basso?
In fondo sei un lecchino di prima categoria, sembri lavorare, cambi azienda spesso, elimini i colleghi più brutti e svegli di te…come mai ora ti trovi relegato in un cubicolo e sulla tua busta paga c’è il logo di Alitalia?

Ebbene, ogni tanto il destino cinico e baro se la prende anche con chi lo adula di continuo.

Conosco persone che stanno (quasi) peggio di te mio amico, sappilo. Bhe certo sei messo male, hai anche una brutta cera ma… forse c’è di peggio… tipo avere come capo Calderoli… o lavorare con la DeFilippi e ballare con lei come un idiota….

Ma bando ai sentimentalismi. Devi ritrovare la voglia di vivere, e per farlo, devi usare ancora una volta l’unica cosa che sai fare: niente!
Smetti di lavorare.  Non ritirare più i ticket. Non rispondere al cellulare e non uscire di casa. Non mangiare. Però bevi ogni 24 ore sennò muori. E lavati.
Fai uno sciopero della fame, in sintesi, come farebbe Pannella nei tuoi panni.  Chiama la stampa, e strombazza la tua disperazione. Dì delle frasi prive di senso che contengano parole come “mobbing”, “digità”, “sicurezza sul lavoro”, “diritto alla casa”: sarà facile dire frasi vuote e prive di senso dopo 48 ore di digiuno.
Dimagrisci.
Fai sì che i tuoi datori di lavoro si sentano in colpa, per aver scovato uno così abile a non fare niente.
E che ti promuovano all’italiana (vedi lezioni precedenti).

E dammi il numero di telefono di tua cugina, quella bona. Byeeee